Filippo Minelli

Joined Artfinder: April 2013

Artworks for sale: 4

(10)

Italy

Contact

About Filippo Minelli

  • Biography

    Filippo Minelli (Brescia, IT 1983) is a contemporary artist living and working between Barcelona and London, analyzing and researching architecture, politics, communication and geography to create installations and performances documented through photography and video.


    After attending the course in Art and New Media he graduated with honors from the Academy of Fine Arts of Brera in Milan, where the academic education went alongside with the interventions in public spaces that characterized his research in previous years. Interested in the landscape and public spaces Minelli initially engages in instinctive and unauthorized actions, which in the early two thousand made him a pioneer for Italy of what will later be labeled as ‘street art’, and then he continued a personal path based on the aesthetics of protest, bringing politics to an anthropological and introspective level by decontextualizing the use of tear gas, reversing the function of flags and borrowing from the aesthetics of protest slogans.

    Photography always played a key role in production Minelli’s production; initially as a way to document the interventions made during frequent trips between the Middle East and South America, from West Africa to the former Soviet Republics via South-East Asia, and then become an integral part of an extremely sharp and ironic poetic using the landscape to tell the story of the people who live it. In 2013 Elephant Magazine (UK) dedicated to the series ‘Silence/Shapes’ the cover of the 13th issue, entitled ‘Post-photography’ and in 2014 Onomatopee (NL) published a monograph about the artist’s production. During the same year Fundación Loewe (SP) organized exhibitions about the series in Madrid and Barcelona, while in 2015/16 Opéra National de Paris chose the series for its image and yearly programming. In 2016 Minelli exhibited and performed the series for Somerset House (UK) and Maneж Museum (RU), during the same year ’Silence/Shapes’ was on the cover of Monthly Photography Korea and entered the permanent collection of Galleria Civica di Modena (IT).

    After several projects abroad in solo and group exhibitions, in 2011 Minelli started to focus methodically on his native land documenting and conceptualizing the landscape of northern Italy. His work was exhibited by Somerset House (London, UK), Münchner-StadtMuseum (Münich, Germany), Total Museum (Seoul, South Korea), La Triennale di Milano (Italy), East Wing Biennial (London, UK), ArtScience Museum (Singapore), Fundaciòn Loewe (Madrid, Spain), Museu do Som e Imagem (São Paulo, Brazil), Biennale di Venezia 2011, Centro Cultural Recoleta (Buenos Aires, Argentina), MACRO (Rome, Italy) and was reviewed over the years by some of the major international media outlets such as Le Monde, The New York Times, Harpers, Huffington Post, The Guardian and Al Jazeera.

    Since 2007 Minelli was both invited and selected by several institutions for research-projects, residencies and lectures: Aarhus University (DK), National Centre for Contemporary Arts (RU), Gyeonggi Creation Center (KR), Padiglione Architettura (IT), Epicenter Projects (USA), Fotografia Europea (IT), Centro Cultural de Belém (PT), Total Museum of Contemporary Arts (KR) and IULM University (IT) among others.

  • Links
  • Education

    2000 - 2004

    Accademia delle Belle Arti di Brera

  • Upcoming Events

    There are no upcoming events

    Show previous events Hide previous events

    Previous events

    Event: Nothing to Say

    Dates: Jan. 10, 2015 - Feb. 15, 2015

    Venue: 886Geary Gallery, San Francisco, USA

    886 Geary Gallery is pleased to present Nothing to Say, a solo exhibition by Filippo Minelli. The opening reception will be Saturday, January 10th, from 7-11 pm, and the exhibition is free and open to the public for viewing through February 7, 2014.
    Nothing to Say will be the artist Filippo Minelli's first solo exhibition in the United States as well as showcase recent work during his travels in California. Minelli initiated his series of work titled Silence/Shapes in 2009 inspired by political demonstrations, with the aim of visualizing silence as a physical shape in the landscape by decontextualizing the violent media of smoke grenades and juxtaposing it to the beauty of nature. 

    Having produced numerous interventions across Europe, Asia, Africa, and now the US, the artist will focus the exhibition on a series of recent works, most of them created in various areas throughout California specifically for this show. Working in residence as well as traveling the artist will utilize this experience to exhibit for 886 Geary's Inaugural exhibition.

    Event: Silence Shapes

    Dates: Dec. 15, 2014 - Jan. 15, 2015

    Venue: Galerie Rive Gauche, Namur, Belgium

    Artiste italien, photographe et peintre, Filippo Minelli est né en 1983, mais bénéficie déjà d'une reconnaissance internationale.

    La galerie propose six grands formats, photos aériennes, sentiments de légèreté, exploration du paysage, avec cette marque de fabrique imparable. Paysages enneigés, nature embrumée, et toujours le fumigène, tache de couleur destinée à créer le contraste. Contraste qui induit l'émotion, et interpelle le regard.

    Au-delà de l'esthétique pure, Filippo Minelli est également un artiste de son temps, qui interroge les enjeux de notre société, dans des domaines divers comme l'architecture, la communication, la géographie...

    Le fumigène, symbole de la contestation, utilisé pour disperser les foules et ramener le calme, a fait naître chez l'auteur cette envie de recréer le silence, de l'intensifier, avec les mêmes "armes", mais dans un endroit déjà serein.

    Event: GEOMETRY OF SILENCE

    Dates: Sept. 13, 2014 - Oct. 14, 2014

    Venue: Galerie Kromme de Elleboog, Rotterdam, The Netherlands

    Silence is a contradictory element in our contemporary society, because it has both the meanings of presence and absence. Presence because it’s a fact, and every culture gave it a name and definition, proving that it exist in our collective thinking. But at the same time it’s also absence because silence is by definition the lack of any tangible component of auditive perception.

    This double and opposite meaning of silence can be both valued in positive or negative acceptation; it’s usually perceived as a vital and intimate condition to find a hideout from time to time, but it’s also the lack of communication which is one of the greatest achievements of our contemporary society. To give silence a tangible shape through artistic medias like photography and site-specific installations is therefore a challenge, as well as a representation which can change from place to place according to sensibility, needs and perception of the people living public and private spaces.

    Minelli spent two months researching in urban, suburban and rural areas of Seoul, Ansan, Incheon, Songdo and Daebudo looking for immediate elements of the landscape suggesting an idea of silence, focusing on the presence and absence of visual communication to identify silence as a way to temporary escape the mega-city lifestyle.

    From that research he extracted various standard dimensions and proportions of blank advertising-billboards that he used for the creation of artworks highlighting a ‘geometry of silence’, to visualize silence as a physical shape in the landscape of the Gyeonggi Province itself.

    Event: Silence/Shapes

    Dates: Jan. 23, 2014 - March 30, 2014

    Venue: Fundacion Loewe, Madrid, Spain

    La Fundación Loewe acaba de presentar Silence Shapes, una exposición del artista italiano Filippo Minelli (Brescia, 1983). Ésta reúne una serie de fotografías que documentan las intervenciones que el artista realiza en el espacio partiendo de las bombas de humo utilizadas en manifestaciones y protestas políticas o religiosas. De este modo trata de descontextualizar estas explosiones, dotando al humo de color y situándolas en paisajes que recuerdan a los que inspiraron a los artistas del Romanticismo.
    ¿El resultado? Aislar la belleza del acto violento y dotar de forma al silencio de los diferentes paisajes. Solo así, el artista continúa explorando la complejidad y diversidad de la realidad, y a su vez la retrata como un crisol que permite diferentes líneas de investigación y en el que la incertidumbre significa libertad. De este modo la Fundación Loewe continúa su intención de apoyar y dar visibilidad a jóvenes talentos. Silence Shapes se encuadra dentro de la agenda cultural de Madrid durante la feria de arte contemporáneo Arco y podrá visitarse en el espacio expositivo de la calle Serrano 26 desde el 13 de enero hasta el 16 de marzo.

    Event: Le forme del silenzio / Sorrento

    Dates: Dec. 28, 2013 - Jan. 5, 2014

    Venue: Museo Correale di Terranova, Sorrento, Italy

    12 commissioned artwork from the 'Silence/Shapes' series

    Event: Cstałty Ciszy

    Dates: Nov. 15, 2013 - Dec. 15, 2013

    Venue: V9 Gallery, Warsaw, Poland

    Selection of 8 photographic artworks created during the residency project at Vlepvnet Foundation, Warsaw

    Event: LE FORME DEL SILENZIO

    Dates: Sept. 20, 2013 - Oct. 10, 2013

    Venue: Castello di Bornato, Bornato, Italy

    Curated by Paolo Bolpagni

    Nelle opere della serie Silence/Shapes, iniziata nel 2009, la ricerca artistica di Filippo Minelli ha raggiunto un grado di sintesi e concentrazione tale da unire la padronanza dei codici estetici con la consapevolezza linguistica e la capacità di esprimere per via mediata contenuti complessi, secondo una prospettiva dialettica in permanente equilibrio fra trasparenza e opacità.
    Partendo da un’osservazione di livello meramente descrittivo, questi lavori fotografici si presentano come paesaggi naturali o di archeologia industriale all’interno dei quali notiamo spandersi e “deflagrare” sostanze fumogene coloratissime, stridenti sotto il profilo tematico e visivo con il contesto dell’ambientazione. Non c’è casualità, né intento documentativo, ma tutto è costruito e composto con attenzione estrema al dato formale e alla qualità tecnica.
    I piani di lettura sono svariati: quella di Minelli, del resto, è un’arte di stratificata densità, che non rinuncia né al messaggio estetico, né alla trasmissione di significati concettuali, peraltro multipli, sfaccettati e intersecantisi fra loro.
    Il ricorso ai dispositivi fumogeni nasce probabilmente dall’interesse dell’autore per le questioni sociali e politiche: impiegati spesso nelle manifestazioni di protesta, essi rimandano nell’immaginario generale all’idea di massa, di clamore, urla e frastuono, magari anche di violenza. Ma di tutto ciò resta soltanto, nelle fotografie di Minelli, un singolo elemento, che fuoriesce dall’ambito primario dell’esperienza comune e della propria “funzione utilitaria” per entrare nel novero e nella modalità di quelli che Nathalie Heinich definisce, nei suoi saggi di sociologia dell’arte, objets de regard, ovvero – traducendo in maniera un po’ sommaria – “oggetti dello sguardo” (di uno sguardo esteticamente indirizzato, beninteso). L’esito è straniante, sia al livello della pura percezione visiva, sia sul piano semantico; i formalisti russi avrebbero parlato in proposito di ostranenie, cioè spaesamento, defamiliarization. Il procedimento comporta di per sé l’enfatizzazione di un preciso contenuto, che magari all’inizio non risulta evidente, ma affiora mano a mano nelle sue diverse valenze: in Silence/Shapes si mette in scena un “accadimento”, che, pur non essendo naturale e spontaneo, è posto in essere da mani invisibili, sicché l’autore dell’azione non compare, rimanendo indeterminato. Da un lato lo straniamento del fumogeno colorato nel luogo solitario, dall’altro il meccanismo dell’evento scaturito quasi “per partenogenesi” (in quanto effetto senza causa) concorrono insieme a superare – e far superare all’osservatore – la neutralità della visione, e a indurre un circuito mentale di ri-significazione del dato percettivo.
    Sebbene, in fondo, vi sia una sorta di “racconto”, non si tratta tuttavia di narrative art, e nemmeno più di arte pubblica, che pure è stata – ed è – praticata da Minelli in altri suoi cicli di opere importanti e fortunati, dedicati per esempio alla comunicazione urbana o all’analisi di fenomeni geopolitici. Se l’obiettivo resta sempre quello di decifrare la realtà lavorando sul linguaggio (là verbale, qui iconico-formale), in Silence/Shapes è come se tale ricerca avesse conosciuto un processo di interiorizzazione o, meglio, di sublimazione. Il rumore del mondo svanisce per lasciar spazio a un silenzio sospeso e stupefatto, un’assenza sorda e precipitata paragonabile al vuoto subitaneo che si crea in certe sequenze cinematografiche (pensiamo a Kurosawa) quando una scena particolarmente concitata e fragorosa è privata all’improvviso dell’audio. L’effetto è potente, e per nulla tranquillizzante, ma anzi amplifica l’impatto della visione, e tra l’altro ci spinge a considerare che, mentre siamo immersi nel frastornante e ossessivo vociare dell’informazione “ventiquattr’ore su ventiquattro”, acquista forse maggiore pregnanza un misterioso fumogeno fucsia che esplode senza suono in una pianura innevata, rispetto a una notizia lanciata a spron battuto dai mass-media con profusione di parole, immagini, dettagli e commenti.
    Le nuvole colorate che si librano nell’aria nelle fotografie di Filippo Minelli assumono anche l’aspetto di apparizioni, e non a caso alcuni critici le hanno interpretate nei loro possibili risvolti spirituali e religiosi: è una prospettiva ermeneutica senz’altro legittima, ed è innegabile la suggestione “sacrale” che scaturisce da simili visioni, che esprimono un senso di immanenza del mistero, di manifestazione percepibile – benché immateriale – di una forza inesplicabile e occulta. Tuttavia non insisterei troppo su una lettura di Silence/Shapes in termini mistici, giacché, se pure tale dimensione è presente, mi sembra comunque sopravanzata da ulteriori diverse connotazioni. In primis, l’inaspettato approdo, da parte di Minelli, a una moderna forma di estetica del sublime: nel rapporto contemplativo istituito con il paesaggio, nell’amore per i luoghi abbandonati, nell’esaltazione dell’elemento irrazionale, nell’evidente ricerca di una bellezza naturalistica e insieme visionaria vi è sicuramente la traccia di una rimeditazione di alcune delle categorie più tipiche del Romanticismo tedesco e inglese d’inizio Ottocento; reincarnate, come ovvio, in una sensibilità tutta contemporanea, che, considerandole “dall’esterno”, con consapevolezza e sguardo storicistico, le relativizza, le pone per così dire tra virgolette, potendosi quindi permettere di aderirvi senza per questo indulgere a ingenuità o anacronismi.
    Last but not least, bisogna riflettere sulle molteplici riverberazioni sinestesiche della serie Silence/Shapes, e sul carattere transmediale dell’operazione di Minelli: nell’intento stesso di collocare al centro dell’attenzione, in un lavoro afferente alla sfera delle arti spaziali, il tema “temporale” del silenzio, emerge chiaramente la volontà d’infrangere gli statuti disciplinari. Peraltro, se già l’idea di “rappresentare” il suono andrebbe in tale direzione, appare a maggior ragione un gesto destabilizzante quello di tentare di dar forma alla sua assenza: come si può rendere visibile ciò che non è nemmeno udibile, in quanto privazione d’ogni stimolo acustico? La sfida concettuale, insomma, corre sul filo del paradosso e, se per Richard Wagner l’obiettivo era che il tempo si facesse spazio (“zum Raum wird hier die Zeit”, canta il vecchio cavaliere del Gral nel Parsifal), nelle fotografie di Minelli è il silenzio che assume veste plastica e diventa luogo: presenza fisica e mentale, da contemplare e, forse, esplorare.

    Exhibition pics: http://www.flickr.com/photos/filippominelli/sets/72157635835724215/ />

    Event: DISCUSSION: contrasti fra messaggi, segni e materia

    Dates: Dec. 10, 2011 - Jan. 6, 2012

    Venue: Palazzo d'Accursio, Bologna, Italy

    Curated by Silvia Scaravaggi

    Seguendo le tracce di un luogo, racchiuso in un frammento di polaroid, si può compiere un viaggio. Filippo Minelli (Brescia, 1983) ha viaggiato molto e, poi, ha processato a ritroso spazio e tempo in una dimensione interiore, in dialogo con le realtà che ha conosciuto e con l’esperienza vissuta.

    Cloud 37/A-Brescia2 (2011) è un buon esempio: il luogo è Brescia; il senso dello spazio sta tutto dentro il frammento di una fotografia istantanea, collocata in alto a destra nel quadro; il grigio neutro è il tono dominante, l’orizzonte temporale dell’opera che crea la base da cui partire per una nuova riflessione, una nube all’interno della quale si può riprendere a vedere e pensare.
    In tutte le opere che Filippo Minelli ha selezionato per Discussion il colore è in assoluto predominio; la tonalità del quadro è ciò che riempie lo sguardo e soddisfa inizialmente il processo della visione.
    Le opere – olio e collage su tavola o tela, e smalto, ossidazioni, altro – sono macchie di colore, nubi a tinte forti, nelle quali è presente molto più di quanto ad un primo sguardo possa essere notato.
    Primo passaggio concettuale: Minelli riempie lo spazio di un colore per volta, ne sceglie uno dominante e lascia che sia questo il tono della riflessione. Il quadro è un ambiente, meglio, un luogo nel quale, e attraverso il quale, l’artista ha viaggiato e può ri-viaggiare trovando la propria esperienza.
    Egli guarda all’interno di una realtà che ha conosciuto e che ritorna, trovando una dimensione alternativa nella quale il colore è ambientazione (dell’interiore), suggestione (del reale), orizzonte (del tempo).

    Cloud 36/A-Bamako (2011): un’altra nube, carica di materiale che porta ad un territorio sovraffollato di incisioni, scritture, segnature, vortici di colore sovrapposto e di colore sottratto.

    È il luogo del gesto e della parola intima, indefinita e frastagliata, cerchiata e sottolineata, inclusa in insiemi e inseguita da tracce, macchie, colature.
    Secondo passaggio concettuale: le parole non si leggono, hanno una forma, si intuiscono. Le parole e, in senso lato, la scrittura sono le linee incerte, spezzate, che compongono una mappa di pensieri sul reale, una cartografia personale della realtà.
    Le parole dei quadri di Filippo Minelli sono parole nuove, molto diverse da quelle che si incontrano nella sua produzione più nota. In quest’ultima infatti le lettere sono ben chiare, visibili, i vocaboli leggibili e da essi non si può sfuggire1.
    Nelle opere di Discussion, invece, le parole sono segni, tracciati che portano a pensieri, graffi che si raccolgono in superfici convergenti in cui si ri-unisce, nel silenzio, quello che sta fuori.
    La forma dei pensieri è contenuta, qui, nella dimensione di una carta geografica che evolve continuamente; i luoghi, i nomi, gli spazi che esistono e che l’artista ha cercato, incontrato, conosciuto in un costante spostamento nel mondo, vengono ricomposti in uno spazio personale.
    Lo spazio che un piano cartografico dispiega davanti a noi – silenzio e quiete del territorio astratto – sprona l’immaginazione. Solo su una superficie statica e senza tempo la mente può vagare a piacimento2.
    Filippo Minelli riconduce gesti e segni in un quadrato o rettangolo, in una data dimensione che solo convenzionalmente si identifica con lo spazio del quadro; quello che sta all’interno dell’opera è ben altro e va oltre i confini della (assente) cornice: pensieri sovrapposti, inseriti, sepolti, confusi da altri strati, mappano l’esistente, lo post-producono artigianalmente usando materia da manipolare.

    Map 1/a (2011) è una mappa, davanti ad essa si arriva per orientarsi. Qui si esce dal campo della nube, e si incontra anche l’oro per la prima volta. L’intimità lascia spazio ad un intera superficie di continenti sovrapposti, incollati, imbrattati: manifesto di indicazioni geo-grafiche, neppure poco allusive, map 1/a chiama decisamente a sé la realtà, rivendicandone l’attenzione, il discorso sulla sua natura e sui processi di cui è fatta.
    A ben intendere, Minelli parla sempre di quello che accade, anche nella produzione che egli reclama come più intima e interiore: nei quadri è ciò che esiste al di là di essi a dare una misura dello sguardo dell’artista. Quello che si situa oltre queste opere lo si trova solo nelle strade, tra le persone, nelle luci di ambienti affollati e negli odori di luoghi abbandonati, nel movimento del vivere.

    Event: ITLIA DI MRD, learn to hate and then to write

    Dates: Oct. 10, 2011 - Nov. 10, 2011

    Venue: Rojo Artspace, Milano, Italy

    Curated by Rossella Farinotti

    “Sono un creatore di giochi, giochi e meccanismi. Posso giocare io, e posso far giocare gli altri”. La citazione di Alighiero Boetti, fra i massimi artisti contemporanei, aderisce ai lavori di Filippo Minelli: giochi di linguaggio e di immagini che chi guarda deve saper intuire. All’apparenza facili, istintivi e netti, ma in realtà crudi, sottili e molto pensati. Itlia di mrd è la riflessione di un’artista che ha deciso di rivisitare suoi vecchi lavori e fotografie scattate in un denso percorso fino ad oggi, dopo aver casualmente visto sopra un muro queste parole che formano una scritta: ITLIA DI MRD, appunto. Un atto di sfogo? Da queste dieci lettere Filippo Minelli ha rifatto il suo percorso passato creandone uno nuovo con uno sfondo preciso: una riflessione critica sul suo Paese, sull’Italia, che ama e che odia, di cui riprende forse finti pregi e difetti probabilmente veri, e li riporta all’interno del nuovo ROJO©artspace. Immagini di volti noti nel bene, nel male, nel grottesco: padre Pio sfila con Totò Riina, don Camillo e Peppone, Saddam e Maradona, la nostra pizza e gli spaghetti, cartoline kitsch e idealmente volgari, ma che altro non sono che una chiara ripresa di quei feticci così amati dai noi italiani. Il calcio, il cibo, la religione, la cronaca, il sociale, la festa, la tradizione, il sesso, la cultura, la politica e il folklore. Minelli inserisce con pochi gesti e qualche parola, tutti questi contenuti in un poutpurri chiaro e semplice all’impatto, ma via via articolato e complesso. Un racconto trash dell’Italia che sta vivendo. Un racconto fatto dall’alto dopo azioni e lavori passati, dagli sfoghi su guerre o su Paesi, ad esempio Flags of Istanbul o la scritta CTRL ALT DELETE sul muro che divide la Palestina e Israele presso il checkpoint di Qalandiya. E poi ancora attacchi alla comunicazione tanto di moda oggi, come nella serie Contradictions, dove Twitter e Google vengono messi con irriverente ironia sotto processo. E ancora a storie autobiografiche, come Chemoteraphy update, un lavoro toccante, ma con intelligente sarcasmo. Minelli ha sempre utilizzato le scritte come giochi da comporre. Lettere su supporti diversi, dal legno, al muro, da elementi naturali fino al corpo di animali (un elefante Srilankese su cui l’artista ha scritto parole che rappresentano ancora una volta l’Italia, da Armani alla Vespa, da Fantozzi alla mozzarella) e inserendoli in contesti sempre diversi.

    Italia di Mrd nasce dunque da una scritta e si sviluppa in un percorso con un’ installazione e 15 opere, accompagnate da una colonna sonora creata da Raphael Monzini per l’esposizione. Minelli traccia parole su cartoline: un buon Natale con un logoro albero sopra un bidone della spazzatura, la fotografia di una pizza con tre scritte a scendere, “Mozzarella” coi colori della nostra bandiera, “Tradizione”, e un lapidario “Vaff…”, o ancora il Vaticano di sfondo a un gabbiano che mangia un piccione. Dal ROJO©artspace si fanno dunque strada queste immagini patinate, un dialogo di icone e feticci che non lasciano in pace nessuno. Anche la Biennale di Venezia non viene risparmiata, l’artista le dedica una serie di lettere incorniciate e composte da pezzetti di … funghi allucinogeni. La definizione è squisitamente minelliana: “labiennaledivenezia”. Per finire, una parete ospita un’installazione di scritte, foto e grigie bandiere, dopo una grande tela, un quadrato di 2 metri x 2, che rappresenta tutti i codici di questo “Belpaese” così amato da… parlarne male.

    Event: VIPASSANA

    Dates: Nov. 26, 2010 - Jan. 24, 2011

    Venue: White Project Gallery, Pescara, Italy

    Curated by Stefano Verri

    Sin dall’antichità il tema del viaggio acquista un ruolo fondamentale nella letteratura e nelle arti. Dallo straordinario viaggio di Ulisse scritto da Omero a quello, forse vero e forse autobiografico, di Marco Polo in Cina, dalla Commedia Dantesca alla comparsa delle prime guide illustrate delle città, dai grandi libri di viaggio tra Sette e Ottocento che descrivevano le bellezze paesaggistiche ed artistiche, ai grandi romanzi di viaggiatori sospesi tra natura ed introspezione che aprono il Novecento. Le stesse arti figurative si rivolgono a questo tema descrivendo guerre, viaggi nell’aldilà che diventano fisici e tangibili (magistrale quello di Canova), fino a rappresentare dimensioni puramente mentali e metafisiche in cui gli elementi diventano testimoni di una vita interiore. E non a caso, proprio con un atto grafico l’uomo comincia a tracciare i contorni dei luoghi per dare avvio a quel lungo processo di presa di coscienza sul mondo che prelude alle prime carte geografiche. Eroico, simbolico, spesso fittizio, a volte pretestuoso altre reale e descrittivo, altre ancora didascalico, il viaggio è sempre stato mosso da quella caratteristica umana che ci rende così unici, la sete di conoscenza, di sé stessi e di ciò che ci circonda. In questo contesto va inserito Vipassana, il progetto pensato da Filippo Minelli per la galleria White Project di Pescara. Ora il tema del viaggio, fisico e mentale, lega gli ultimi anni del suo lavoro mentre lo spostamento da un capo all’altro del pianeta corrisponde ad un intimo percorso di auto-indagine e ad una profonda presa di coscienza sulla società. Ogni opera diventa pietra miliare di un percorso, segna un punto, un pensiero, una meta raggiunta. Una serie di Polaroid, scatti che si consumano velocemente quanto una biro che scorre le pagine di un taccuino, diventano gli appunti, il ricordo, la documentazione di luoghi visitati di persone conosciute, frequentate, o solo viste per qualche istante. Un modo per riportare a casa le suggestioni dei posti, ed aiutare la memoria in quel processo di ri-creazione mentale che va sotto il nome di ricordo. Una sorta di mappa per immagini delle cose che, anche solo per un istante, lo hanno colpito per la loro labile unicità, flash estetici che poi si trasformano in opere d’arte o location ideali per azioni di raro impatto sociale. Così le bandiere (Flags), che vessillo di una nazione e di una nazionalità, sacro e simbolico emblema di una identità, sì collettiva ma allo stesso tempo geograficamente e socialmente definita, si trasformano in messaggio globale, in simbolo massificato che annienta il valore stesso del confine e dell’identità: un significato che, in un attimo, collassa su sé stesso. Suggestioni e ricordi diventano, quindi, un elemento fondamentale nella lettura della poetica di Filippo Minelli, ed i collage diventano straordinari testimoni di un lavoro che nasce attraverso la stratificazione. Qui gli elementi si sovrappongono inseguendosi l’un l’altro, dando vita ad un apparente non-sense che in realtà nasconde valori e significati profondi che si palesano ad un osservatore attento. Un gioco dell’inespresso e di rimandi in cui gli oggetti, perlopiù di carta raccolti nel corso dei viaggi, si accostano a scritte, disegni e giochi verbali, fin quasi a formare delle vere e proprie mappe mentali. Appunti, ricordi, fotografie, diventano nella loro particolarità messaggeri di valori universali. Come i passaporti diventano la testimonianza di un passaggio da un confine all’altro da un paese all’altro, da una identità collettiva all’altra, testimoniato dalla singolarità degli oggetti raccolti, così il complesso delle azioni e dei significati ci introducono, come il titolo stesso della mostra, ad una dimensione più profonda. Vipassana è, infatti, un’antica forma di meditazione di origine indiana in cui l’isolamento dal mondo comporta un percorso di conoscenza e di crescita spirituale. Allo stesso modo i viaggi, compiuti dall’artista perlopiù in solitaria, rappresentano non soltanto la volontà di conoscere altri luoghi ma anche di conoscere più profondamente se stesso e la propria condizione di essere umano. Guardando questi lavori, e osservandone i rimandi concettuali non si può che pensare a uno dei capolavori della letteratura a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, il Cuore di Tenebra di Joseph Conrad, in questo romanzo, come nel lavoro di Minelli, la critica sociale che appare quasi a colpo d’occhio, lascia ben presto spazio ad una ben più profonda testimonianza di quanto una sorta di oscurità fondamentale pervada l’uomo contemporaneo, di quanto ancora oggi, in nome di una civilizzazione in cui la colonizzazione ha lasciato il posto alla globalizzazione, riecheggi il conradiano Orrore! Orrore!

    Event: RANDOM WORDS

    Dates: May 5, 2009 - June 5, 2009

    Venue: Galleria Civica Palazzo Todeschini, Desenzano del Garda, Italy

    Selection of 25 oil-paintings on canvass
    Curated by Vittorio Sgarbi and Stefano Verri

    *catalogue

    Event: YOU KNOW ME

    Dates: Oct. 1, 2008 - Nov. 1, 2008

    Venue: Noordkaap Foundation, Dordrecht, The Netherlands

    Selection of 7 artworks created in public space presented with photographic documentation

    Event: STUDIO DEL COLORE

    Dates: Oct. 6, 2007 - Nov. 6, 2007

    Venue: Centro Culturale Espositivo Spazio6, Brescia / Italy

    10 paintings on canvass, variable dimensions

Links


Education

2000 - 2004

Accademia delle Belle Arti di Brera


There are no upcoming events

Show previous events Hide previous events

Previous events

Event: Nothing to Say

Dates: Jan. 10, 2015 - Feb. 15, 2015

Venue: 886Geary Gallery, San Francisco, USA

886 Geary Gallery is pleased to present Nothing to Say, a solo exhibition by Filippo Minelli. The opening reception will be Saturday, January 10th, from 7-11 pm, and the exhibition is free and open to the public for viewing through February 7, 2014.
Nothing to Say will be the artist Filippo Minelli's first solo exhibition in the United States as well as showcase recent work during his travels in California. Minelli initiated his series of work titled Silence/Shapes in 2009 inspired by political demonstrations, with the aim of visualizing silence as a physical shape in the landscape by decontextualizing the violent media of smoke grenades and juxtaposing it to the beauty of nature. 

Having produced numerous interventions across Europe, Asia, Africa, and now the US, the artist will focus the exhibition on a series of recent works, most of them created in various areas throughout California specifically for this show. Working in residence as well as traveling the artist will utilize this experience to exhibit for 886 Geary's Inaugural exhibition.

Event: Silence Shapes

Dates: Dec. 15, 2014 - Jan. 15, 2015

Venue: Galerie Rive Gauche, Namur, Belgium

Artiste italien, photographe et peintre, Filippo Minelli est né en 1983, mais bénéficie déjà d'une reconnaissance internationale.

La galerie propose six grands formats, photos aériennes, sentiments de légèreté, exploration du paysage, avec cette marque de fabrique imparable. Paysages enneigés, nature embrumée, et toujours le fumigène, tache de couleur destinée à créer le contraste. Contraste qui induit l'émotion, et interpelle le regard.

Au-delà de l'esthétique pure, Filippo Minelli est également un artiste de son temps, qui interroge les enjeux de notre société, dans des domaines divers comme l'architecture, la communication, la géographie...

Le fumigène, symbole de la contestation, utilisé pour disperser les foules et ramener le calme, a fait naître chez l'auteur cette envie de recréer le silence, de l'intensifier, avec les mêmes "armes", mais dans un endroit déjà serein.

Event: GEOMETRY OF SILENCE

Dates: Sept. 13, 2014 - Oct. 14, 2014

Venue: Galerie Kromme de Elleboog, Rotterdam, The Netherlands

Silence is a contradictory element in our contemporary society, because it has both the meanings of presence and absence. Presence because it’s a fact, and every culture gave it a name and definition, proving that it exist in our collective thinking. But at the same time it’s also absence because silence is by definition the lack of any tangible component of auditive perception.

This double and opposite meaning of silence can be both valued in positive or negative acceptation; it’s usually perceived as a vital and intimate condition to find a hideout from time to time, but it’s also the lack of communication which is one of the greatest achievements of our contemporary society. To give silence a tangible shape through artistic medias like photography and site-specific installations is therefore a challenge, as well as a representation which can change from place to place according to sensibility, needs and perception of the people living public and private spaces.

Minelli spent two months researching in urban, suburban and rural areas of Seoul, Ansan, Incheon, Songdo and Daebudo looking for immediate elements of the landscape suggesting an idea of silence, focusing on the presence and absence of visual communication to identify silence as a way to temporary escape the mega-city lifestyle.

From that research he extracted various standard dimensions and proportions of blank advertising-billboards that he used for the creation of artworks highlighting a ‘geometry of silence’, to visualize silence as a physical shape in the landscape of the Gyeonggi Province itself.

Event: Silence/Shapes

Dates: Jan. 23, 2014 - March 30, 2014

Venue: Fundacion Loewe, Madrid, Spain

La Fundación Loewe acaba de presentar Silence Shapes, una exposición del artista italiano Filippo Minelli (Brescia, 1983). Ésta reúne una serie de fotografías que documentan las intervenciones que el artista realiza en el espacio partiendo de las bombas de humo utilizadas en manifestaciones y protestas políticas o religiosas. De este modo trata de descontextualizar estas explosiones, dotando al humo de color y situándolas en paisajes que recuerdan a los que inspiraron a los artistas del Romanticismo.
¿El resultado? Aislar la belleza del acto violento y dotar de forma al silencio de los diferentes paisajes. Solo así, el artista continúa explorando la complejidad y diversidad de la realidad, y a su vez la retrata como un crisol que permite diferentes líneas de investigación y en el que la incertidumbre significa libertad. De este modo la Fundación Loewe continúa su intención de apoyar y dar visibilidad a jóvenes talentos. Silence Shapes se encuadra dentro de la agenda cultural de Madrid durante la feria de arte contemporáneo Arco y podrá visitarse en el espacio expositivo de la calle Serrano 26 desde el 13 de enero hasta el 16 de marzo.

Event: Le forme del silenzio / Sorrento

Dates: Dec. 28, 2013 - Jan. 5, 2014

Venue: Museo Correale di Terranova, Sorrento, Italy

12 commissioned artwork from the 'Silence/Shapes' series

Event: Cstałty Ciszy

Dates: Nov. 15, 2013 - Dec. 15, 2013

Venue: V9 Gallery, Warsaw, Poland

Selection of 8 photographic artworks created during the residency project at Vlepvnet Foundation, Warsaw

Event: LE FORME DEL SILENZIO

Dates: Sept. 20, 2013 - Oct. 10, 2013

Venue: Castello di Bornato, Bornato, Italy

Curated by Paolo Bolpagni

Nelle opere della serie Silence/Shapes, iniziata nel 2009, la ricerca artistica di Filippo Minelli ha raggiunto un grado di sintesi e concentrazione tale da unire la padronanza dei codici estetici con la consapevolezza linguistica e la capacità di esprimere per via mediata contenuti complessi, secondo una prospettiva dialettica in permanente equilibrio fra trasparenza e opacità.
Partendo da un’osservazione di livello meramente descrittivo, questi lavori fotografici si presentano come paesaggi naturali o di archeologia industriale all’interno dei quali notiamo spandersi e “deflagrare” sostanze fumogene coloratissime, stridenti sotto il profilo tematico e visivo con il contesto dell’ambientazione. Non c’è casualità, né intento documentativo, ma tutto è costruito e composto con attenzione estrema al dato formale e alla qualità tecnica.
I piani di lettura sono svariati: quella di Minelli, del resto, è un’arte di stratificata densità, che non rinuncia né al messaggio estetico, né alla trasmissione di significati concettuali, peraltro multipli, sfaccettati e intersecantisi fra loro.
Il ricorso ai dispositivi fumogeni nasce probabilmente dall’interesse dell’autore per le questioni sociali e politiche: impiegati spesso nelle manifestazioni di protesta, essi rimandano nell’immaginario generale all’idea di massa, di clamore, urla e frastuono, magari anche di violenza. Ma di tutto ciò resta soltanto, nelle fotografie di Minelli, un singolo elemento, che fuoriesce dall’ambito primario dell’esperienza comune e della propria “funzione utilitaria” per entrare nel novero e nella modalità di quelli che Nathalie Heinich definisce, nei suoi saggi di sociologia dell’arte, objets de regard, ovvero – traducendo in maniera un po’ sommaria – “oggetti dello sguardo” (di uno sguardo esteticamente indirizzato, beninteso). L’esito è straniante, sia al livello della pura percezione visiva, sia sul piano semantico; i formalisti russi avrebbero parlato in proposito di ostranenie, cioè spaesamento, defamiliarization. Il procedimento comporta di per sé l’enfatizzazione di un preciso contenuto, che magari all’inizio non risulta evidente, ma affiora mano a mano nelle sue diverse valenze: in Silence/Shapes si mette in scena un “accadimento”, che, pur non essendo naturale e spontaneo, è posto in essere da mani invisibili, sicché l’autore dell’azione non compare, rimanendo indeterminato. Da un lato lo straniamento del fumogeno colorato nel luogo solitario, dall’altro il meccanismo dell’evento scaturito quasi “per partenogenesi” (in quanto effetto senza causa) concorrono insieme a superare – e far superare all’osservatore – la neutralità della visione, e a indurre un circuito mentale di ri-significazione del dato percettivo.
Sebbene, in fondo, vi sia una sorta di “racconto”, non si tratta tuttavia di narrative art, e nemmeno più di arte pubblica, che pure è stata – ed è – praticata da Minelli in altri suoi cicli di opere importanti e fortunati, dedicati per esempio alla comunicazione urbana o all’analisi di fenomeni geopolitici. Se l’obiettivo resta sempre quello di decifrare la realtà lavorando sul linguaggio (là verbale, qui iconico-formale), in Silence/Shapes è come se tale ricerca avesse conosciuto un processo di interiorizzazione o, meglio, di sublimazione. Il rumore del mondo svanisce per lasciar spazio a un silenzio sospeso e stupefatto, un’assenza sorda e precipitata paragonabile al vuoto subitaneo che si crea in certe sequenze cinematografiche (pensiamo a Kurosawa) quando una scena particolarmente concitata e fragorosa è privata all’improvviso dell’audio. L’effetto è potente, e per nulla tranquillizzante, ma anzi amplifica l’impatto della visione, e tra l’altro ci spinge a considerare che, mentre siamo immersi nel frastornante e ossessivo vociare dell’informazione “ventiquattr’ore su ventiquattro”, acquista forse maggiore pregnanza un misterioso fumogeno fucsia che esplode senza suono in una pianura innevata, rispetto a una notizia lanciata a spron battuto dai mass-media con profusione di parole, immagini, dettagli e commenti.
Le nuvole colorate che si librano nell’aria nelle fotografie di Filippo Minelli assumono anche l’aspetto di apparizioni, e non a caso alcuni critici le hanno interpretate nei loro possibili risvolti spirituali e religiosi: è una prospettiva ermeneutica senz’altro legittima, ed è innegabile la suggestione “sacrale” che scaturisce da simili visioni, che esprimono un senso di immanenza del mistero, di manifestazione percepibile – benché immateriale – di una forza inesplicabile e occulta. Tuttavia non insisterei troppo su una lettura di Silence/Shapes in termini mistici, giacché, se pure tale dimensione è presente, mi sembra comunque sopravanzata da ulteriori diverse connotazioni. In primis, l’inaspettato approdo, da parte di Minelli, a una moderna forma di estetica del sublime: nel rapporto contemplativo istituito con il paesaggio, nell’amore per i luoghi abbandonati, nell’esaltazione dell’elemento irrazionale, nell’evidente ricerca di una bellezza naturalistica e insieme visionaria vi è sicuramente la traccia di una rimeditazione di alcune delle categorie più tipiche del Romanticismo tedesco e inglese d’inizio Ottocento; reincarnate, come ovvio, in una sensibilità tutta contemporanea, che, considerandole “dall’esterno”, con consapevolezza e sguardo storicistico, le relativizza, le pone per così dire tra virgolette, potendosi quindi permettere di aderirvi senza per questo indulgere a ingenuità o anacronismi.
Last but not least, bisogna riflettere sulle molteplici riverberazioni sinestesiche della serie Silence/Shapes, e sul carattere transmediale dell’operazione di Minelli: nell’intento stesso di collocare al centro dell’attenzione, in un lavoro afferente alla sfera delle arti spaziali, il tema “temporale” del silenzio, emerge chiaramente la volontà d’infrangere gli statuti disciplinari. Peraltro, se già l’idea di “rappresentare” il suono andrebbe in tale direzione, appare a maggior ragione un gesto destabilizzante quello di tentare di dar forma alla sua assenza: come si può rendere visibile ciò che non è nemmeno udibile, in quanto privazione d’ogni stimolo acustico? La sfida concettuale, insomma, corre sul filo del paradosso e, se per Richard Wagner l’obiettivo era che il tempo si facesse spazio (“zum Raum wird hier die Zeit”, canta il vecchio cavaliere del Gral nel Parsifal), nelle fotografie di Minelli è il silenzio che assume veste plastica e diventa luogo: presenza fisica e mentale, da contemplare e, forse, esplorare.

Exhibition pics: http://www.flickr.com/photos/filippominelli/sets/72157635835724215/ />

Event: DISCUSSION: contrasti fra messaggi, segni e materia

Dates: Dec. 10, 2011 - Jan. 6, 2012

Venue: Palazzo d'Accursio, Bologna, Italy

Curated by Silvia Scaravaggi

Seguendo le tracce di un luogo, racchiuso in un frammento di polaroid, si può compiere un viaggio. Filippo Minelli (Brescia, 1983) ha viaggiato molto e, poi, ha processato a ritroso spazio e tempo in una dimensione interiore, in dialogo con le realtà che ha conosciuto e con l’esperienza vissuta.

Cloud 37/A-Brescia2 (2011) è un buon esempio: il luogo è Brescia; il senso dello spazio sta tutto dentro il frammento di una fotografia istantanea, collocata in alto a destra nel quadro; il grigio neutro è il tono dominante, l’orizzonte temporale dell’opera che crea la base da cui partire per una nuova riflessione, una nube all’interno della quale si può riprendere a vedere e pensare.
In tutte le opere che Filippo Minelli ha selezionato per Discussion il colore è in assoluto predominio; la tonalità del quadro è ciò che riempie lo sguardo e soddisfa inizialmente il processo della visione.
Le opere – olio e collage su tavola o tela, e smalto, ossidazioni, altro – sono macchie di colore, nubi a tinte forti, nelle quali è presente molto più di quanto ad un primo sguardo possa essere notato.
Primo passaggio concettuale: Minelli riempie lo spazio di un colore per volta, ne sceglie uno dominante e lascia che sia questo il tono della riflessione. Il quadro è un ambiente, meglio, un luogo nel quale, e attraverso il quale, l’artista ha viaggiato e può ri-viaggiare trovando la propria esperienza.
Egli guarda all’interno di una realtà che ha conosciuto e che ritorna, trovando una dimensione alternativa nella quale il colore è ambientazione (dell’interiore), suggestione (del reale), orizzonte (del tempo).

Cloud 36/A-Bamako (2011): un’altra nube, carica di materiale che porta ad un territorio sovraffollato di incisioni, scritture, segnature, vortici di colore sovrapposto e di colore sottratto.

È il luogo del gesto e della parola intima, indefinita e frastagliata, cerchiata e sottolineata, inclusa in insiemi e inseguita da tracce, macchie, colature.
Secondo passaggio concettuale: le parole non si leggono, hanno una forma, si intuiscono. Le parole e, in senso lato, la scrittura sono le linee incerte, spezzate, che compongono una mappa di pensieri sul reale, una cartografia personale della realtà.
Le parole dei quadri di Filippo Minelli sono parole nuove, molto diverse da quelle che si incontrano nella sua produzione più nota. In quest’ultima infatti le lettere sono ben chiare, visibili, i vocaboli leggibili e da essi non si può sfuggire1.
Nelle opere di Discussion, invece, le parole sono segni, tracciati che portano a pensieri, graffi che si raccolgono in superfici convergenti in cui si ri-unisce, nel silenzio, quello che sta fuori.
La forma dei pensieri è contenuta, qui, nella dimensione di una carta geografica che evolve continuamente; i luoghi, i nomi, gli spazi che esistono e che l’artista ha cercato, incontrato, conosciuto in un costante spostamento nel mondo, vengono ricomposti in uno spazio personale.
Lo spazio che un piano cartografico dispiega davanti a noi – silenzio e quiete del territorio astratto – sprona l’immaginazione. Solo su una superficie statica e senza tempo la mente può vagare a piacimento2.
Filippo Minelli riconduce gesti e segni in un quadrato o rettangolo, in una data dimensione che solo convenzionalmente si identifica con lo spazio del quadro; quello che sta all’interno dell’opera è ben altro e va oltre i confini della (assente) cornice: pensieri sovrapposti, inseriti, sepolti, confusi da altri strati, mappano l’esistente, lo post-producono artigianalmente usando materia da manipolare.

Map 1/a (2011) è una mappa, davanti ad essa si arriva per orientarsi. Qui si esce dal campo della nube, e si incontra anche l’oro per la prima volta. L’intimità lascia spazio ad un intera superficie di continenti sovrapposti, incollati, imbrattati: manifesto di indicazioni geo-grafiche, neppure poco allusive, map 1/a chiama decisamente a sé la realtà, rivendicandone l’attenzione, il discorso sulla sua natura e sui processi di cui è fatta.
A ben intendere, Minelli parla sempre di quello che accade, anche nella produzione che egli reclama come più intima e interiore: nei quadri è ciò che esiste al di là di essi a dare una misura dello sguardo dell’artista. Quello che si situa oltre queste opere lo si trova solo nelle strade, tra le persone, nelle luci di ambienti affollati e negli odori di luoghi abbandonati, nel movimento del vivere.

Event: ITLIA DI MRD, learn to hate and then to write

Dates: Oct. 10, 2011 - Nov. 10, 2011

Venue: Rojo Artspace, Milano, Italy

Curated by Rossella Farinotti

“Sono un creatore di giochi, giochi e meccanismi. Posso giocare io, e posso far giocare gli altri”. La citazione di Alighiero Boetti, fra i massimi artisti contemporanei, aderisce ai lavori di Filippo Minelli: giochi di linguaggio e di immagini che chi guarda deve saper intuire. All’apparenza facili, istintivi e netti, ma in realtà crudi, sottili e molto pensati. Itlia di mrd è la riflessione di un’artista che ha deciso di rivisitare suoi vecchi lavori e fotografie scattate in un denso percorso fino ad oggi, dopo aver casualmente visto sopra un muro queste parole che formano una scritta: ITLIA DI MRD, appunto. Un atto di sfogo? Da queste dieci lettere Filippo Minelli ha rifatto il suo percorso passato creandone uno nuovo con uno sfondo preciso: una riflessione critica sul suo Paese, sull’Italia, che ama e che odia, di cui riprende forse finti pregi e difetti probabilmente veri, e li riporta all’interno del nuovo ROJO©artspace. Immagini di volti noti nel bene, nel male, nel grottesco: padre Pio sfila con Totò Riina, don Camillo e Peppone, Saddam e Maradona, la nostra pizza e gli spaghetti, cartoline kitsch e idealmente volgari, ma che altro non sono che una chiara ripresa di quei feticci così amati dai noi italiani. Il calcio, il cibo, la religione, la cronaca, il sociale, la festa, la tradizione, il sesso, la cultura, la politica e il folklore. Minelli inserisce con pochi gesti e qualche parola, tutti questi contenuti in un poutpurri chiaro e semplice all’impatto, ma via via articolato e complesso. Un racconto trash dell’Italia che sta vivendo. Un racconto fatto dall’alto dopo azioni e lavori passati, dagli sfoghi su guerre o su Paesi, ad esempio Flags of Istanbul o la scritta CTRL ALT DELETE sul muro che divide la Palestina e Israele presso il checkpoint di Qalandiya. E poi ancora attacchi alla comunicazione tanto di moda oggi, come nella serie Contradictions, dove Twitter e Google vengono messi con irriverente ironia sotto processo. E ancora a storie autobiografiche, come Chemoteraphy update, un lavoro toccante, ma con intelligente sarcasmo. Minelli ha sempre utilizzato le scritte come giochi da comporre. Lettere su supporti diversi, dal legno, al muro, da elementi naturali fino al corpo di animali (un elefante Srilankese su cui l’artista ha scritto parole che rappresentano ancora una volta l’Italia, da Armani alla Vespa, da Fantozzi alla mozzarella) e inserendoli in contesti sempre diversi.

Italia di Mrd nasce dunque da una scritta e si sviluppa in un percorso con un’ installazione e 15 opere, accompagnate da una colonna sonora creata da Raphael Monzini per l’esposizione. Minelli traccia parole su cartoline: un buon Natale con un logoro albero sopra un bidone della spazzatura, la fotografia di una pizza con tre scritte a scendere, “Mozzarella” coi colori della nostra bandiera, “Tradizione”, e un lapidario “Vaff…”, o ancora il Vaticano di sfondo a un gabbiano che mangia un piccione. Dal ROJO©artspace si fanno dunque strada queste immagini patinate, un dialogo di icone e feticci che non lasciano in pace nessuno. Anche la Biennale di Venezia non viene risparmiata, l’artista le dedica una serie di lettere incorniciate e composte da pezzetti di … funghi allucinogeni. La definizione è squisitamente minelliana: “labiennaledivenezia”. Per finire, una parete ospita un’installazione di scritte, foto e grigie bandiere, dopo una grande tela, un quadrato di 2 metri x 2, che rappresenta tutti i codici di questo “Belpaese” così amato da… parlarne male.

Event: VIPASSANA

Dates: Nov. 26, 2010 - Jan. 24, 2011

Venue: White Project Gallery, Pescara, Italy

Curated by Stefano Verri

Sin dall’antichità il tema del viaggio acquista un ruolo fondamentale nella letteratura e nelle arti. Dallo straordinario viaggio di Ulisse scritto da Omero a quello, forse vero e forse autobiografico, di Marco Polo in Cina, dalla Commedia Dantesca alla comparsa delle prime guide illustrate delle città, dai grandi libri di viaggio tra Sette e Ottocento che descrivevano le bellezze paesaggistiche ed artistiche, ai grandi romanzi di viaggiatori sospesi tra natura ed introspezione che aprono il Novecento. Le stesse arti figurative si rivolgono a questo tema descrivendo guerre, viaggi nell’aldilà che diventano fisici e tangibili (magistrale quello di Canova), fino a rappresentare dimensioni puramente mentali e metafisiche in cui gli elementi diventano testimoni di una vita interiore. E non a caso, proprio con un atto grafico l’uomo comincia a tracciare i contorni dei luoghi per dare avvio a quel lungo processo di presa di coscienza sul mondo che prelude alle prime carte geografiche. Eroico, simbolico, spesso fittizio, a volte pretestuoso altre reale e descrittivo, altre ancora didascalico, il viaggio è sempre stato mosso da quella caratteristica umana che ci rende così unici, la sete di conoscenza, di sé stessi e di ciò che ci circonda. In questo contesto va inserito Vipassana, il progetto pensato da Filippo Minelli per la galleria White Project di Pescara. Ora il tema del viaggio, fisico e mentale, lega gli ultimi anni del suo lavoro mentre lo spostamento da un capo all’altro del pianeta corrisponde ad un intimo percorso di auto-indagine e ad una profonda presa di coscienza sulla società. Ogni opera diventa pietra miliare di un percorso, segna un punto, un pensiero, una meta raggiunta. Una serie di Polaroid, scatti che si consumano velocemente quanto una biro che scorre le pagine di un taccuino, diventano gli appunti, il ricordo, la documentazione di luoghi visitati di persone conosciute, frequentate, o solo viste per qualche istante. Un modo per riportare a casa le suggestioni dei posti, ed aiutare la memoria in quel processo di ri-creazione mentale che va sotto il nome di ricordo. Una sorta di mappa per immagini delle cose che, anche solo per un istante, lo hanno colpito per la loro labile unicità, flash estetici che poi si trasformano in opere d’arte o location ideali per azioni di raro impatto sociale. Così le bandiere (Flags), che vessillo di una nazione e di una nazionalità, sacro e simbolico emblema di una identità, sì collettiva ma allo stesso tempo geograficamente e socialmente definita, si trasformano in messaggio globale, in simbolo massificato che annienta il valore stesso del confine e dell’identità: un significato che, in un attimo, collassa su sé stesso. Suggestioni e ricordi diventano, quindi, un elemento fondamentale nella lettura della poetica di Filippo Minelli, ed i collage diventano straordinari testimoni di un lavoro che nasce attraverso la stratificazione. Qui gli elementi si sovrappongono inseguendosi l’un l’altro, dando vita ad un apparente non-sense che in realtà nasconde valori e significati profondi che si palesano ad un osservatore attento. Un gioco dell’inespresso e di rimandi in cui gli oggetti, perlopiù di carta raccolti nel corso dei viaggi, si accostano a scritte, disegni e giochi verbali, fin quasi a formare delle vere e proprie mappe mentali. Appunti, ricordi, fotografie, diventano nella loro particolarità messaggeri di valori universali. Come i passaporti diventano la testimonianza di un passaggio da un confine all’altro da un paese all’altro, da una identità collettiva all’altra, testimoniato dalla singolarità degli oggetti raccolti, così il complesso delle azioni e dei significati ci introducono, come il titolo stesso della mostra, ad una dimensione più profonda. Vipassana è, infatti, un’antica forma di meditazione di origine indiana in cui l’isolamento dal mondo comporta un percorso di conoscenza e di crescita spirituale. Allo stesso modo i viaggi, compiuti dall’artista perlopiù in solitaria, rappresentano non soltanto la volontà di conoscere altri luoghi ma anche di conoscere più profondamente se stesso e la propria condizione di essere umano. Guardando questi lavori, e osservandone i rimandi concettuali non si può che pensare a uno dei capolavori della letteratura a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, il Cuore di Tenebra di Joseph Conrad, in questo romanzo, come nel lavoro di Minelli, la critica sociale che appare quasi a colpo d’occhio, lascia ben presto spazio ad una ben più profonda testimonianza di quanto una sorta di oscurità fondamentale pervada l’uomo contemporaneo, di quanto ancora oggi, in nome di una civilizzazione in cui la colonizzazione ha lasciato il posto alla globalizzazione, riecheggi il conradiano Orrore! Orrore!

Event: RANDOM WORDS

Dates: May 5, 2009 - June 5, 2009

Venue: Galleria Civica Palazzo Todeschini, Desenzano del Garda, Italy

Selection of 25 oil-paintings on canvass
Curated by Vittorio Sgarbi and Stefano Verri

*catalogue

Event: YOU KNOW ME

Dates: Oct. 1, 2008 - Nov. 1, 2008

Venue: Noordkaap Foundation, Dordrecht, The Netherlands

Selection of 7 artworks created in public space presented with photographic documentation

Event: STUDIO DEL COLORE

Dates: Oct. 6, 2007 - Nov. 6, 2007

Venue: Centro Culturale Espositivo Spazio6, Brescia / Italy

10 paintings on canvass, variable dimensions

Biography

Filippo Minelli (Brescia, IT 1983) is a contemporary artist living and working between Barcelona and London, analyzing and researching architecture, politics, communication and geography to create installations and performances documented through photography and video.


After attending the course in Art and New Media he graduated with honors from the Academy of Fine Arts of Brera in Milan, where the academic education went alongside with the interventions in public spaces that characterized his research in previous years. Interested in the landscape and public spaces Minelli initially engages in instinctive and unauthorized actions, which in the early two thousand made him a pioneer for Italy of what will later be labeled as ‘street art’, and then he continued a personal path based on the aesthetics of protest, bringing politics to an anthropological and introspective level by decontextualizing the use of tear gas, reversing the function of flags and borrowing from the aesthetics of protest slogans.

Photography always played a key role in production Minelli’s production; initially as a way to document the interventions made during frequent trips between the Middle East and South America, from West Africa to the former Soviet Republics via South-East Asia, and then become an integral part of an extremely sharp and ironic poetic using the landscape to tell the story of the people who live it. In 2013 Elephant Magazine (UK) dedicated to the series ‘Silence/Shapes’ the cover of the 13th issue, entitled ‘Post-photography’ and in 2014 Onomatopee (NL) published a monograph about the artist’s production. During the same year Fundación Loewe (SP) organized exhibitions about the series in Madrid and Barcelona, while in 2015/16 Opéra National de Paris chose the series for its image and yearly programming. In 2016 Minelli exhibited and performed the series for Somerset House (UK) and Maneж Museum (RU), during the same year ’Silence/Shapes’ was on the cover of Monthly Photography Korea and entered the permanent collection of Galleria Civica di Modena (IT).

After several projects abroad in solo and group exhibitions, in 2011 Minelli started to focus methodically on his native land documenting and conceptualizing the landscape of northern Italy. His work was exhibited by Somerset House (London, UK), Münchner-StadtMuseum (Münich, Germany), Total Museum (Seoul, South Korea), La Triennale di Milano (Italy), East Wing Biennial (London, UK), ArtScience Museum (Singapore), Fundaciòn Loewe (Madrid, Spain), Museu do Som e Imagem (São Paulo, Brazil), Biennale di Venezia 2011, Centro Cultural Recoleta (Buenos Aires, Argentina), MACRO (Rome, Italy) and was reviewed over the years by some of the major international media outlets such as Le Monde, The New York Times, Harpers, Huffington Post, The Guardian and Al Jazeera.

Since 2007 Minelli was both invited and selected by several institutions for research-projects, residencies and lectures: Aarhus University (DK), National Centre for Contemporary Arts (RU), Gyeonggi Creation Center (KR), Padiglione Architettura (IT), Epicenter Projects (USA), Fotografia Europea (IT), Centro Cultural de Belém (PT), Total Museum of Contemporary Arts (KR) and IULM University (IT) among others.

Your regional settings

Excellent - Five stars - Trustpilot